Psicologia

Rivoluzione digitale e consapevolezza personale

Oggi viviamo due mondi, uno reale e uno virtuale.

In entrambi è fondamentale essere consapevoli del proprio agire.

Da ciò che percepiamo al modo in cui rispondiamo agli stimoli che ci arrivano e alle conseguenze generate dalle azioni che compiamo.

Diventa utile una sorta di “analisi del comportamento virtuale” sia del nostro che di quello degli altri, perché sia nel mondo che possiamo toccare che in quello intagibilmente virtuale apprendiamo dal comportamento degli altri più di quanto non ci rendiamo conto.

LO STIMOLO ESTERNO

Lo stimolo esterno è rappresentato da tutto quello che ci arriva da fuori, che si tratti di un fuori reale o digitale, comunque recepiamo una quantità elevata di informazioni tra le quali operiamo inconsapevolmente una selezione molto elevata in base a tante variabili:

  • come siamo fatti noi
  • le caratteristiche dello stimolo esterno
  • le esperienze pregresse

tutto questo orienterà la nostra attenzione verso alcune cose lasciandone scivolare via delle altre.

Siamo consapevoli di tutto questo?

A volte poco anche nella vita reale.

Prima di tutto è conditio sine qua non, non solo per capire meglio questi processi, ma per una vita di pieno benessere di cui in ogni caso anche questi processi fanno parte:

essere consapevoli di se stessi, conoscersi, sapere come siamo fatti.

Per questo dico da un po’: ACCULTURATEVI DI VOI STESSI.

Prima e di più di qualunque altra persona, di qualunque altro argomento. Capire come siamo fatti ci permette di vivere con consapevolezza, assaporare a pieno la vita e raggiungere i nostri obiettivi con minore fatica.

Certo rimaniamo noi stessi sia mondo reale, sia in quello virtuale, ma come reagiamo alla realtà digitale? Che effetto ci fa? Come ci fa sentire?

Avete già iniziato a farvi queste domande per capire un pochino come vi fa sentire la vita digitale?

Il mondo DIGITALE è un mondo relativamente nuovo, iniziare a capire che effetto ci fa starci dentro, quali emozioni ci suscita di più, ci aiuta a prenderne via, via maggiore consapevolezza.

IL COMPORTAMENTO

Come agiamo in rete?

Siamo come nel mondo reale?

Oppure ci sentiamo più liberi o più inibiti?

In prima battuta il web ci è sembrato un luogo d’anonimato, in cui nasconderci dietro un nickname, oggi invece tende ad allinearsi di più con le identità reali delle persone.

Ci avevi fatto caso?

Come stai vivendo questo passaggio? Come ti fa sentire?

La vita digitale come quella reale ci fa incontrare persone, intessere relazioni, comunicare pensieri e idee, rispondere a richieste e farne a nostra volta. Come nella vita reale esistono delle regole da seguire. Internet è un’altra fetta di mondo. Non una terra di nessuno.

Capire come tendiamo a comportarci online ci aiuta a non sentirci in balia del mezzo tecnologico che veicola questo nuovo ambiente di vita.

Il rispetto per se stessi e per gli altri è sempre alla base di ogni azione sia dentro che fuori dalla rete.

CONSEGUENZE

Quali tipi di conseguenze hanno i nostri comportamenti online?

Spesso mi capita di leggere commenti molto provocatori, persino offensivi. Ancora ci si sente protetti dietro lo schermo di un computer.

Eppure non è così.

Le nostre parole hanno un peso, colpiscono nel mondo reale come in quello digitale. Ha tutte le ripercussioni che potrebbero avere nella vita analogica, anzi di più, perché spesso online tutto “si gioca” sulla “pubblica piazza”, certe emozioni si amplificano, possono farci sentire senza via d’uscita, come nei casi di cyber bullismo.

Ci pensiamo sempre alle conseguenze delle nostre azioni online? Siamo riusciti a costruire una buona capacità previsionale che ci aiuta a gestire il nostro comportamento, a saper rispondere al meglio agli stimoli del mondo digitale?

BUONE PRASSI

Mondo virtuale mondo digitale sono fatti di persone.

La gentilezza, il rispetto, la sensibilità, un certo grado di empatia sono tutti elementi importanti per avere buone relazioni e buone comunicazioni con gli altri.

Conoscere a fondo se stessi, vivere in armonia col proprio movimento psico-espressivo, ci permette una migliore gestione ed espressione emotiva cui corrisponde un grado più elevato di benessere.

Sembrano tutti elementi ovvi, tuttavia basta farsi qualche giro online, su gruppi social, scorrere alcune scie di commenti, per capire che tanto ovvi per molte persone purtroppo ancora non lo sono.

Qual è  il vostro grado di consapevolezza digitale?

Tiziana Capocaccia

Sito

Facebook

Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *